logo_claro

Spiritualità

Dalla sua testimonianza sulle apparizioni, il piccolo Francesco vedeva solo l’Angelo e la Madonna senza sentire quello che loro dicevano. Ciò fu sufficiente per lo sviluppo della sua vocazione e per il ruolo specifico che egli aveva nel contesto delle apparizioni.

 

Con lo sguardo completamente centrato nella luce che gli era dato di vedere, viveva incantato dalla bellezza di Dio e della Madonna. In seguito, aiutato dalle spiegazioni di sua cugina e di sua sorella sulle parole dell’Angelo e della Madonna, approfondirà nel vissuto la conoscenza del mistero di Dio: “Noi stavamo ardendo in quella luce che è Dio, ma non ci bruciavamo! Come è Dio!!! Non si può dirlo! Questo sì che noi non lo potremo mai dire!” (Memorie – 144).

 

Anche se non aveva mai trovato parole chiare per descrivere Dio, fu colui che forse più comprese e penetrò il Suo mistero.

Infatti, Francesco si lasciò invadere così intensamente da Dio tanto che immergendosi in questa presenza divina in atteggiamento di adorazione, trovò in Dio il senso e la bellezza della sua vita, apprese la lode perfetta (cf. Mt 21,16).

 

Partendo dall’esperienza fatta dell’amore compassionevole di Dio per tutti gli esseri umani e dalla consapevolezza del fatto che l’umanità sceglie con frequenza cammini lontani da Dio, sorse in Francesco il desiderio intenso di corrispondere all’amore divino, consolando colui che egli chiamava Gesù Nascosto.

La testimonianza che ci è arrivata ci dice che lui: “voleva solo consolarLo!” (Memorie – 144) ciò rivela l’intensa preghiera contemplativa di questo bambino la cui unica preoccupazione era quella di vivere un’intima relazione di amicizia con Dio.

 

Questa amicizia era alimentata dal silenzio della Serra d’Aire, che portava Francesco a “pensare a Dio”, a dire “ com’è bello” e “ com’è triste” e come egli desiderasse dargli gioia; era nutrita dalle numerose ore di Adorazione Eucaristica in un angoletto della Chiesa Parrocchiale, davanti al tabernacolo, imparando da Gesù il modo di vivere la vita come dono; era rinnovata nei molti Rosari che pregava, riparandosi nel grembo di sua Madre, lasciandosi trasformare a immagine del suo Cuore centrato nel suo Figlio, Gesù.

Nella semplicità di questo affidamento silenzioso si racconta la storia di uno sguardo contemplativo pieno dell’amore di Francesco e del tocco con il quale il mistero di Dio convertì la sua vita in luce per il prossimo.

Cronologia della vita di Francesco

1908
11 giugno

Nasce ad Aljustrel, parrocchia di Fatima, penultimo dei sette figli di Manuel Pedro Marto e Olimpia de Jesus.

 
20 giugno

É battezzato col nome di Francesco nella chiesa parrocchiale di Fatima.

1916
Primavera
All’età di otto anni inizia a pascolare il gregge dei suoi genitori.

1ª Apparizione dell’Angelo alla  “Loca do Cabeço”.

Estate

2ª Apparizione dell’Angelo presso il pozzo dell’Arneiro.

Autunno

3ª Apparizione dell’Angelo alla  “Loca do Cabeço”.

1917
13 maggio, giugno, luglio

1ª, 2ª, 3ª Apparizione della Madonna alla Cova da Iria.

13 agosto

É portato a Vila Nova de Ourém.

 
15 agosto

Ritorna ad Aljustrel.

 
19 agosto

4ª Apparizione della Madonna a Valinhos.

 
13 settembre e ottobre

5ª e 6ª Apparizione della Madonna.

 
1918
18 ottobre

Si ammala durante l’epidemia d’ influenza spagnola.

 
 
19 marzo

La malattia si aggrava.

 
 
2 aprile

Riceve il sacramento della Riconciliazione da Padre Moreira.

3 aprile

 Riceve il  Viatico – Prima Comunione.

 
4 aprile

Muore serenamente alle ore 22.00.

 
5 aprile

Viene sepolto nel cimitero di Fatima.

 
1950
29 marzo

Mons. José Alves Correia da Silva, vescovo di Leiria, riceve il permesso, dalla Sacra Congregazione dei Riti, di aprire il Processo Diocesano sulla fama di santità, virtù e miracoli di Francesco.

1952
17 febbraio

Riconoscimento dei suoi resti mortali.

 
13 marzo

Traslazione alla Basilica di Fatima.

 
30 aprile

Inizio del processo informativo diocesano (63 sessioni e 25 testimoni).

 
1979
3 agosto

Chiusura del processo.

 
20 dicembre

Apertura del processo a Roma.

 
1989
13 maggio

Giovanni Paolo II riconosce l’eroicità delle virtù di Francesco (decreto sulle virtù), concedendogli il titolo di venerabile.

 
1997
26 giugno

Consegna a Roma degli atti del processo sulla guarigione di Emilia Santos.

 
 
1999
28 giugno

Decreto sul miracolo della guarigione di Emilia Santos.

 
2000
13 maggio

Beatificazione, a Fatima, da parte del Papa Giovanni Paolo II.

 
2017
23 marzo

23 de Março de 2017 - Aprovado o milagre de Lucas Maeda de Oliveira, que conduziu à Canonização.

Canonização, em Fátima, no Centenário das Aparições de Nossa Senhora pelo Papa Francisco.